IN  EDICOLA  LA  SECONDA USCITA  DELLA  RIVISTA  BIESSE
ACQUISTA

Lo sguardo verso il passato più prossimo non è solo conoscenza della storia (quasi mai maestra di vita) ma, soprattutto, fonte di suggestione ed emozioni. Suscita il riverbero di ricordi familiari, lo stupore verso cambiamenti repentini ma già dimenticati. È la scoperta di un accadimento minore, il mutamento di panorami e riferimenti a torto ritenuti eterni, la curiosità di come abitudini e mode si siano costantemente avvicendate.

BIESSE propone immagini e storie del territorio bresciano e delle sue genti. Con alcune attenzioni in grado di evitare il rischio di un mero e trito localismo, di rimpiangere un passato invariabilmente ritenuto migliore dell’oggi.

Prima di tutto, la scelta di temi sino ad ora poco indagati e raccontati: spazi e luoghi sui quali, nel breve volgere di poco più di un secolo, si sono registrate modifiche d’uso; il succedersi di architetture, di stratificazioni naturali e artificiali in città e in provincia. E ancora: biografie di personaggi noti ma poco conosciuti (e non è un ossimoro), una rubrica dedicata al design bresciano, assai meno periferico di quanto si possa ritenere, una per descrivere una piazza di cent’anni fa ed una per gli anniversari rivelatori di un’epoca.

In secondo luogo, la ricerca di un equilibrio narrativo fra immagini, testi e località interessate. Fotografie come vere e proprie fonti storiche, da indagare con la lente del curioso e il rigore dello storico. Articoli e brani che inquadrano un tema, svelano le curiosità e ricostruiscono la vicenda trattata, nel legamento con l’iconografia che li accompagna. Dentro i luoghi: la città e le valli, la pianura e i laghi, poiché, pur nella loro diversità, sono pur sempre geografie dell’anima.

Insomma, non un denso libro di storia, ma nemmeno la superficiale leggerezza di un opuscoletto d’occasione. Piuttosto lo stimolo per ulteriori approfondimenti e l’invito a seguire i prossimi numeri di Biesse.

Una rivista da conservare: per chi vive Brescia e vuol conoscerne la storia.

Ieri e oggi
Dai vicoli a piazza Vittoria
Soci in armi: la Toschi & Castelli
Binari in Valsabbia
Studiare in castello
Se a Brescia ci fosse il mare
San Paolo, l’isola che non c’è
Gran Premio d’Italia: nasce il circuito
L’officina del gas, un’idea di modernità
Un motore… a cavallo
Asciugare la bassa
Achille Bertelli: il farmacista volante
Il ponte sull’Oglio di Palazzolo
Brescia in camera ottica
Biciclette in divisa
Carcasse per ripartire
Coniate a Brescia
Sulla testa dei bresciani

CONTATTACI

La informiamo che i dati da Lei inseriti saranno trattati nel rispetto del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) al solo fine, e per il solo tempo necessario, di fornirLe le informazioni richieste. L'informativa completa può essere reperita e letta su questa pagina Dichiaro di avere letto, compreso e di acconsentire al trattamento

Accetto *
Per poterti rispondere dobbiamo avere l'assenso al trattamento dei tuoi dati
Grazie per il tuo messaggio, è stato recapitato.
Si è verificato un errore nella spedizione del tuo messaggio. Riprova più tardi.